All’interno della tenuta di Villa Bibbiani ci sono tracce di insediamenti etruschi. A partire dall’antichità, infatti, questa area è stata scelta per la sua posizione strategica, elevata e nei pressi del fiume Arno che rappresentava un’importante via di comunicazione e trasporto delle merci. Le rovine etrusche sono i resti di costruzioni abitative che ai tempi furono erette in questo luogo privilegiato, come su una terrazza che guarda verso il fiume.

I reperti archeologici parlano di un abitato etrusco collocato storicamente intorno al quarto secolo a. C. L’area si trova in un bosco, entro i confini della tenuta di Villa Bibbiani, sulla collina di Montereggi. Lo scavo non è stato completato e potrebbe nascondere altri tesori. Dal lavoro degli archeologi sono stati ricavati diversi manufatti di interesse storico: anfore, bronzi e ceramiche, custoditi oggi nel Museo archeologico di Montelupo, nell’ex complesso di San Quirico e Santa Lucia.